Shqiperia ndryshon stine, tani jane italianet qe emigrojne ne Shqiperi E Rekomanduar

Shqiperia ndryshon stine. Dyndje emigrantesh Italiane ne shqiperi!

"Kane kaluar pak me teper se 20 vjet, por duken ngjarje te ndodhura nje shekull me pare. Ishte vera e vitit 1991 kur anija Vlora, e tejmbushur me shqiptare, te deshperuar, ankoroi ne portin e Barit. Sot nuk mberrijne me ngarkesa te tilla nga krahu tjeter i Adriatikut, emigrantet shqiptare ndjekin rruge te ligjshme tanime. Jane rreth gjysem milioni ne Itali. Por nga ana tjeter edhe italianet, gjithnje e me shpesh, kalojne detin Adriatik ne drejtimin te kundert me ate qe benin shqiptaret, pra shkojne ne shqiperi, ne kerkim pune dhe te nje jete te re. Nuk e bejne me anije te ndryshkura, por me avion per nje ore udhetim. Italianet tani shkojne ne Shqiperi ne kerkim te fatit."

Keshtu e nis gazeta e mirnjohur

ne Itali, il messaggero, shkrimin e nje artikulli vertet interesant. Kohet kane ndryshuar dhe italianet qe ndodhen ne Shqiperi dhe qe kane nje leje per pune ose studime jane rreth 19 mije. Nje shifer me te vertete domethenese kur behet fjale se Shqiperia ka pak me teper se 3 milion banore.

Kriza qe ka perfshire keto vite Italine e ka zhytyr ate ne nje vorbull qe duket se perkeqesohet dita dites. Eshte ky motivi qe sipermarres Italiane preferojne Shqiperine si rrugedalje nga kriza ne vendin e tyre. Eshte kjo koha kur Shqiperia ndryshon Stine dhe behet nga vend me prioritet emigrues ne nje vend me prespektive per te emigruar drejt saj.

 

...ne vijim teksti ne italisht i artikullit te "il messaggero"

"La rivincita dell'Albania, arrivano gli italiani a cercare lavoro

Sono passati poco più di 20 anni, ma sembrano fatti di un secolo lontano. Era l’estate del 1991 quando la nave Vlora, brulicante di albanesi disperati, attraccò nel porto di Bari. Oggi non arrivano più carichi del genere dall’altra sponda dell’Adriatico, gli emigranti albanesi seguono strade regolari. E sono circa mezzo milione in Italia. In compenso però ora anche gli italiani, sempre più spesso, attraversano l’Adriatico in direzione opposta, in cerca di lavoro e di una vita nuova. Non lo fanno con navi arruginite, ma in aereo con un’ora di volo. Gli italiani ora vanno in Albania in cerca di fortuna.
I dati ufficiali del governo albanese dicono che sono 19 mila gli italiani che hanno un permesso di soggiorno per lavoro o per studio. Una cifra notevole in un paese di poco più di 3 milioni di abitanti. Dall’università ai call center, ai ristoranti, alle piccole imprese, gli italiani negli ultimi due, si sono moltiplicati.

«Un vero e proprio boom» commenta Rando Devole, sociologo albanese e collaboratore dell’Ossrvatorio dei Balcani, «che ci dice molto della crisi italiana, ma anche della crescita dell’Albania attraverso i propri immigrati. Chissà quanti albanesi che lavoravano in Italia, magari in una pizzeria, hanno fatto da tramite e hanno convinto il piccolo imprenditore italiano ad aprire dall’altra parte dell’Adriatico». A Tirana quasi tutti parlano italiano, e in tv si ritrova perfino un ex volto noto di Mediaset, Alessio Vinci, oggi star dei talk show albanesi.

PENSIONATI E STUDENTI
Le imprese italiane che si sono stabilite oltre l’Adriatico sono circa 500-600. «C’è un gran movimento tra i due paesi», dice Luigi Nidito, vicepresidente vicario della Camera di Commercio italiana in Albania, «i ristoranti sono sempre pieni di italiani. Molti vengono a vedere per curiosità, ma sono anche pieni di pregiudizi. Poi, una volta qui, restano sorpresi positivamente. E cominciano a venire anche i pensionati, perché il costo della vita è basso».

Poi ci sono gli studenti in Medicina, quelli che non sono riusciti a superare il test del primo anno e che non vogliono perdere tempo: si iscrivono all’Università Nostra Signora del Buon Consiglio di Tirana, legata a università italiane (tra le quali Tor Vergata di Roma) e dove la maggioranza dei docenti sono italiani.

ANNI 60
E poi ci sono i tanti lavoratori italiani, in Albania per i motivi più disparati: per colpa della crisi, per affetto (molti hanno un marito o una moglie albanese), per simpatia verso un paese che, a detta di molti, somiglia all’Italia degli anni 60. «Gli albanesi in questo momento sono più ottimisti degli italiani - dice l’ambasciatore albanese Neritan Ceka - proprio come da voi negli anni 60. Certo, i problemi ci sono, però non c’è la crisi psicologica. E il pil cresce». Per il 2014 il Fondo Monetario internazionale vede difficoltà nel mercato interno, ma stima una crescita del +2%. «E non c’è la burocrazia», aggiunge l’ambasciatore, «si può aprire un business in un giorno e senza limitazioni particolari». Inoltre l’Albania vorrebbe entrare nella UE e proprio ieri ha festeggiato il primo sì da Bruxelles. Un clima, nel suo piccolo, ben diverso da quello che aleggia nelle capitali dell’Unione."

Vlerëso këtë artikull
(0 vota)

Komento

Plotësoni të gjitha kutitë me (*) që janë të domosdoshme . Kodi HTML nuk lejohet.

kthehu në fillim

DASMA JUAJ

Kameraman Profesionist
Cilesia dhe puna e
STUDIO RISTYLE do
tju beje qe ky emer tju
mbese ne mendje per
te pasur kenaqesine
qe te na zgjidhni dhe
ne eventet pasuese.
StudioRistyle -
www.ristyle.ecaty.com

Identifikohu or Krijo akount